Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi68
mod_vvisit_counterUltima settimana98495
mod_vvisit_counterUltimo mese335687

Appello di Ahmad Sa’adat dalla sua cella di isolamento

E-mail Stampa

 

Ahmad Sa’adat, Segretario generale del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina, leader nazionale palestinese e membro del Consiglio Legislativo, l’8 novembre ha scritto una lettera aperta dalla sua cella di isolamento, in risposta al 22 ottobre, giornata internazionale di mobilitazione delle organizzazioni politiche, sociali, legali e dei media in solidarietà con il compagno Sa’adat e con tutti i prigionieri palestinesi, in particolare con quelli che affrontano l’isolamento nelle galere dell’occupante, invitando a proseguire la mobilitazione contro l’isolamento e in solidarietà con i detenuti.

Sa’adat ha espresso il suo sostegno alle mobilitazioni e ha scritto
:

“La politica dell’isolamento è una violazione flagrante del diritto umanitario internazionale, della legislazione in tema di diritti umani e di quella che proibisce la tortura.

Inoltre questa politica è una sistematica pratica di assassinio e distruzione della personalità umana, e in alcuni casi uno strumento per eseguire una condanna a morte contro coloro che combattono per la libertà, in particolare contro quelli che hanno passato molti anni in isolamento, come Hassan Salameh, Jamal Abu Hija, Ibrahim Hamed, Ahmed al-Maghrabi, Abdullah al-Barghouthi ed altri.


La pratica dell’isolamento, questa pena di morte imposta ai prigionieri, non ha alcun fondamento giuridico. Si tratta di una decisione dei servizi di intelligence dell’occupazione nell’ambito di uno schedario segreto che non può essere visionato da nessuno ma riservato al giudice, che mai ha negato qualche decisione di isolare un prigioniero o fatto chiarezza sui meccanismi per l’uso dell’isolamento.


L'isolamento mira all’essenza dei diritti umani e dell’umanità – il diritto alle relazioni sociali – attraverso l’isolamento  dall’ambiente circostante, e significa privazione perfino dei diritti minimi sotto la legge dell’Amministrazione israeliana delle prigioni, compreso l’accesso ai giornali, ai libri e agli indumenti. Questa è una punizione collettiva anche per le famiglie dei prigionieri, dato che ogni decisione di isolamento comporta 3 mesi di divieto delle visite familiari.”


Sa’adat ha concluso la sua lettera con questo appello:

“La lotta dei prigionieri per la libertà è parte delle lotta permanente del nostro popolo, che terminerà solo con la sconfitta dell’occupazione su tutto il suolo palestinese. Invito tutte le istituzioni, gli attivisti e le organizzazioni a dar vita ad un piano di azione per sostenere la lotta dei prigionieri in generale e, in particolare, di quelli che subiscono l’isolamento.”



Fonte
: Campagna per la liberazione di Ahmad Sa’adat
http://www.freeahmadsaadat.org
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Twitter:http://twitter.com/freeahmadsaadat

Traduzione a cura della Redazione

 

Appuntamenti

Banner

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta

Appelli

Siete qui: Home IN CAMPO